Provata una volta, la userai per sempre!

  • Via Clitunno, 4, 06039
    Trevi PG, ITALY

  • Lun - Ven 08:30 - 18:00
    Sab - Dom Chiuso

Vi sembrerà incredibile, ma stiamo producendo un cartoncino che tornerà nelle vostre case!

C’è un prodotto che fabbrichiamo grazie agli scarti di lavorazione delle industrie grafiche, che tornano a nuova vita attraverso un processo di riciclo. Un’attività virtuosa in cui sei coinvolto perché questo prodotto, se guardi bene, è già in casa tua!

Qui in cartiera non ricicliamo solamente i rifiuti che arrivano in carta dalla raccolta differenziata, ma anche tutti gli scarti delle cartotecniche.

Questo è il rifilo delle cartotecniche, residui di lavorazione molto pregiati: buste, carte stampate e carte per fotocopie che qui in Cartiera ricicliamo per produrre nuovo cartoncino (9.200 chili ogni ora!)

Seguitemi: vi faccio vedere come!

Abbiamo chiesto al nostro Direttore di Stabilimento quanta produzione riusciamo a fare con una balla di questo rifilo: circa mille chili di rotolini per carta igienica!

Anche il fil di ferro delle balle da macero viene separato, raccolto in rotoli e inviato al riciclo.

Le balle cadono in un grande spappolatore per creare un impasto di carta e acqua; i sistemi di trattamento e depurazione riescono a togliere le plastiche dalle fibre di carta. Si crea così un impasto pronto per essere trattato e colorato con dei prodotti chimici.

Una volta pronto l’impasto, attraverso le tubazioni viene trasportato sulla tavola piana ed è qui che viene a crearsi il foglio del cartoncino per i rotolini della carta igienica.

L’impasto, che inizialmente è al 90% d’acqua e solo 10% di fibra, viene pressato e asciugato attraverso il contatto con dei cilindri incandescenti. Una volta arrivati in fondo alla macchina continua, ecco qui il cartoncino pronto per essere inviato in strisce alle cartotecniche, che lo utilizzeranno come anima dei rotolini della carta igienica.

Ora sai quanto lavoro c’è dietro quel piccolo rotolino di cartoncino che è già dentro il tuo bagno!

Aggiungi un commento:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Cosa dicono i clienti?