Provata una volta, la userai per sempre!

  • Chiama: +39 0742 38511
  • Scrivi: info@cartiereditrevi.com
  • Skype ID : Cartiere di Trevi S.p.A.
  • Call us: +39 0742 38511
  • Mail US : info@cartiereditrevi.com
  • ADD US : Cartiere di Trevi S.p.A.
  • Via Clitunno, 4, 06039
    Trevi PG, ITALY

  • Lun - Ven 08:30 - 18:00
    Sab - Dom Chiuso

Dal 1830 ai giorni nostri.

L'impresa Cartiere di Trevi S.p.A. vede la luce nel mese di aprile del 1960 per iniziativa di Aldo Graziosi, imprenditore che operava nell'omonima cartiera di Tivoli, erede di un'impresa attiva già dallo stabilimento sul sito della Cartiera Bonaca, società inattiva. Fin dalla ristrutturazione degli impianti e dei fabbricati porta a un moderno impianto per la produzione di carta paglia in bobine da destinare al fiorente mercato degli imballaggi in cartone ondulato, in quegli anni in forte sviluppo.

I primi dieci anni registrano un costante aumento della produzione, fino a 800 tonnellate mensili, grazie a una coraggiosa campagna di investimenti e di ricerca di soluzioni tecnologiche avanzate per uno sfruttamento efficiente degli impianti. Gli anni 70 rappresentano un punto di svolta per le Cartiere di Trevi. La progressiva affermazione della sensibilità ambientale e l'inizio di un era normativa in materia, giunta oggi a regole severe e stringenti, pose le premesse per una radicale trasformazione dell'Azienda.

La produzione di carte e cartoni a partire dalla paglia come materia prima imponeva tassi di inquinamento rilevanti e, in futuro, difficilmente sostenibili da parte del territorio. Per questo motivo il decennio successivo vede alcune importanti iniziative, coraggiose per l epoca, in presenza di una normativa carente senza indicazioni sull'idoneità delle soluzioni attuate: lo spostamento degli scarichi dal fiume Clitunno, vero tesoro ambientale della zona e fiume sacro fin dall'antichità, al vicino Maroggia, il progressivo abbandono della paglia come materia prima esclusiva a favore della carta riciclata, meno problematica in termini di inquinamento, e l'installazione di un impianto per l'abbattimento dello stesso nelle acque immesse nel torrente Maroggia.

Dal 1982, infatti, l'Azienda utilizza esclusivamente carta riciclata per la produzione con evidenti benefici, tra i quali: riduzione della quantità di materia prima occorrente (115 Kg di carta riciclata per quintale di prodotto); riduzione del 65% dell'inquinamento dell'acqua utilizzata nel processo industriale e convogliata all'impianto di depurazione; minori consumi di energia elettrica e quindi di emissioni nocive; miglior uniformità delle caratteristiche tecniche e chimico-fisiche del prodotto; incremento dell'occupazione e della produzione (giunta a tonnellate mensili dopo un decennio).